BITCOIN SALE PRIMA DELL’INCONTRO DELLA BCE; COME POTREBBE INFLUIRE SUL PREZZO DELL’EUROZONA?

10. September 2020 Von admin

Il Bitcoin si è ripreso giovedì, quando il dollaro si è indebolito. Ma la crittovaluta si è astenuta dal fare qualsiasi passo significativo in vista della risoluzione di politica monetaria della Banca Centrale Europea più tardi nella giornata di oggi. Il BTC/USD è salito fino all’1,89 per cento per raggiungere un massimo intraday a 10.417,80 dollari. All’inizio di questa settimana, la coppia è stata scambiata a partire da 9.819 dollari.

Questo significava che i trader volevano mantenere il prezzo sopra i $10.000, un livello di supporto psicologico. Mentre BTC/USD ha mostrato segni di slancio al rialzo questo giovedì, la sua azione complessiva del prezzo è rimasta al massimo instabile. Molto ha a che fare con l’interesse altalenante degli investitori per i beni rifugio, soprattutto perché il dollaro USA ha riacquistato una parte del suo valore dopo essere sceso al minimo biennale il 1° settembre.

Nel frattempo, una correzione al ribasso delle azioni globali ha accelerato ulteriormente le vendite sui mercati Bitcoin System e dell’oro. Ma i trader stanno ancora evitando di piazzare scommesse più grandi in entrambe le direzioni. Questo significa mantenere la Bitcoin in un range di negoziazione di 300-400 dollari fino a quando la BCE non offrirà una maggiore guida in avanti sullo stato dell’economia europea.

STIMULUS

È probabile che la BCE mantenga invariate le sue politiche esistenti, ma potrebbe spingere avanti altri pacchetti di stimolo. Le loro ragioni sono un continuo rallentamento della ripresa economica e un euro più forte del previsto che attenua le aspettative di inflazione.

La crescita dei prezzi al consumo è diventata negativa, facendo sorgere il timore che anche l’inflazione a lungo termine subisca un colpo. Questo è, ovviamente, al di sotto dell’obiettivo di inflazione del 2% fissato dalla BCE. D’altra parte, l’apprezzamento dell’euro dell’8% rispetto al dollaro da marzo 2020 peggiora ulteriormente le cose.

Questo perché una moneta nazionale più forte rende le importazioni più economiche, il che finisce per minacciare la concorrenza degli esportatori. Gli esperti ritengono che il presidente della BCE Christine Lagarde non abbia altra scelta se non quella di spingere l’euro verso il basso attraverso lo stimolo.

„Noi sosteniamo che la BCE non ha opzioni efficaci per rispondere all’apprezzamento dell’euro“, ha detto BNP Paribas in una nota ai clienti. „Invece, è probabile che il pushback verbale sul tasso di cambio continui, insieme a un tono più equilibrato, ma nel complesso ancora cauto, sull’economia“.

BITCOIN

La politica della BCE apparirebbe in linea con le banche centrali mondiali, tutte quelle che hanno promesso di iniettare liquidità in contanti nelle loro economie e di mantenere i tassi di interesse più bassi. Un’ampia creazione di moneta, un periodo più lungo di tassi più bassi e l’incertezza macro causata dalla pandemia COVID-19 dovrebbero sostenere gli investimenti della Bitcoin.

Questo perché un programma di stimolo esteso per sostenere l’economia della zona euro e per mettere pressione al ribasso sull’euro avrebbe un impatto diretto sui risparmiatori, così come sugli investitori con un’esposizione diretta ai mercati monetari. Essi possono scegliere di trovare alternative in beni rifugio sicuri come l’oro o un più conveniente da tenere, Bitcoin.

Gli osservatori, tra cui Bloomberg, ritengono che una maggiore domanda da sola potrebbe inviare la crittovaluta verso i 20.000 dollari entro la fine di quest’anno.

BTC/USD è aumentata del 43% rispetto all’anno precedente.